RISOTTO CON LA ZUCCA

Descrizione

Il risotto alla zucca è una vera e propria istituzione della cucina italiana: una primo piatto caldo, familiare, dello stesso colore delle foglie dorate dall’autunno e dal buon profumo che sa di casa. Una pietanza nata povera, come molti tra i migliori piatti della nostra tradizione, nei focolari domestici di gente povera, ma ricca di buon senso e di buon gusto: solo intuizione, pratica e fantasia hanno saputo trasformare la zucca, il più povero tra gli ortaggi, e il riso, raccolto con fatica dalle mondine nelle risaie lombarde allagate, in un piatto oggi celebrato dai gastronomi e amato dagli intenditori. Cosa c’è di così speciale in un risotto alla zucca, cosa lo rende irresistibile? La sua semplicità, ci verrebbe da rispondere; ma una semplicità che racchiude saggezza, cura, gesti immutabili, necessari, privi di frivolezze pompose: la tostatura del riso, che ne impermeabilizza i chicchi e regala loro una straordinaria tenuta di cottura. La cottura seguita passo passo, un mestolo di brodo per volta, perché un riso lesso è diverso da un risotto. La mantecatura, quel momento in cui l’amido trasforma i rimasugli di brodo in una cremina che poi il burro rende lucida e fondente. Tanti piccoli gesti d’altri tempi, che rendono questo piatto una delizia capace di conquistare tanto i palati più raffinati quanto gli amanti dei sapori semplici e genuini.

Riso Carnaroli 320 g

Zucca 600 g

Cipolle ramate 100 g

Brodo vegetale 1,5 l

Parmigiano reggiano 80 g

Vino bianco 60 g

Burro 50 g

Pepe nero q.b.

Sale fino q.b.

Olio extravergine d'oliva 20 g

Preparazione

Per cucinare il risotto alla zucca, cominciate preparando un brodo vegetale leggero, che utilizzerete per portare il riso a cottura. Tagliate le verdure, mettetele in una casseruola capiente, coprite con acqua e regolate di sale . Coprite con un coperchio, portate a ebollizione e fate cuocere per circa 1 ora. Filtrate il brodo  e tenetelo in caldo.

Passate quindi alla zucca: pulitela, tagliatela a fettine e da esse ricavate dei piccoli dadini . Tritate finemente la cipolla e ponetela in un tegame largo in cui avrete fatto scaldare l’olio .Lasciate soffriggere la cipolla a fuoco dolcissimo per circa 10 minuti, fino a quando non risulterà così tenera da sciogliersi. A quel punto aggiungete la zucca  e rosolatela per alcuni minuti, mescolando per non farla attaccare.

Cominciate poi ad aggiungere un mestolo di brodo , e aggiungetene altro, poco a poco fino a portare a cottura la zucca (circa 20 minuti): dovrà risultare ben tenera e cremosa . A parte, scaldate una larga padella e buttatevi il riso per farlo tostare . Utilizziamo il metodo a secco perché la tostatura del riso, indispensabile perché poi i chicchi tengano la cottura, non può avvenire in un ambiente umido come quello creatosi nel tegame con la zucca.

Tostate quindi il riso a fuoco alto fino a renderlo opalescente, girandolo spesso per non farlo scottare. Ci vorranno 2-3 minuti. Sfumate quindi con il vino bianco  e mescolate immediatamente per non far attaccare. Appena il vino sarà completamente evaporato versate il riso nel tegame con la zucca . Mescolate bene per amalgamare i sapori ed impedire al riso di attaccarsi .

Appena il risotto comincia ad asciugarsi, aggiungete un mestolo di brodo ben caldo , e proseguite via via aggiungendo il successivo solo quando il precedente sarà stato assorbito, fino al raggiungimento del giusto grado di cottura. Ci vorranno 15-20 minuti a seconda del riso utilizzato. Verso fine cottura regolate di pepe e di sale . Infine, a fuoco spento, mantecate con il burro e il parmigiano grattugiato . Amalgamate con cura , quindi aggiungete un ultimo mestolo raso di brodo se preferite un risotto più cremoso (“all’onda”). Lasciate rapprendere un minuto prima di impiattare e gustare !